Ultimo aggiornamento:
02.10.2018 14.48
 
   
 
 
8 marzo 2014
ENGLISH
 

intervista ad un pastore ... incontro con elizabeth natasha Røysland

a cura di  Lucio Rocco

 

Ma il lavoro del pastore, non è troppo duro per una donna?

No, è un lavoro abbastanza pesante, ma non è assolutamente più difficile per una donna che per un uomo. Si diventa molto robusti quando si lavora in una fattoria.

Com’è la giornata tipo di un moderno pastore?

In una giornata tipo la maggior parte del tempo é dedicata alla cura degli animali; ci si sveglia presto, bisogna farli mangiare, controllare che siano tutti in buona salute, farli mangiare ancora nel pomeriggio. C’è meno da fare quando essi sono fuori, ma anche allora vanno controllati. Quando ci sono i parti, all'inizio della primavera, si é molto occupati e bisogna controllarli notte e giorno.

Perché hai scelto proprio il collie per avere un aiuto nel tuo lavoro?

Non è molto strano, un cane da pastore può fare il lavoro di 10 uomini. Così, lavorando in una fattoria, il mio lavoro é diventato molto più agevole quando ho potuto mandar fuori Samantha per riportarmi le mucche, i vitelli o le pecore. E’ stata una specie di coincidenza iniziare con un Rough Collie, infatti, a pensarci bene, è strano che io non abbia scelto un Border Collie. Ma quando ero più giovane avevo letto molto sui diversi tipi di razze e da quello che avevo capito, i Rough Collie erano stati originariamente grandi cani da pastore.

Ho anche trovato questa razza molto bella e perfetta esteticamente. Così, cominciai a cercare dei cuccioli di Rough Collie e trovai un allevatore non molto lontano da me; la madre dei cuccioli era stata utilizzata per lavorare con polli e galline.

A quel tempo non sapevo molto sulle varie linee di sangue, ma fui fortunata. Quando vidi la cucciolata, ed in particolare una femminuccia, non ebbi dubbi che l’avrei presa; aveva il tipico sguardo che dice “eccomi sono qui”;  si vedeva quell’aria da birbante nei suoi occhi, spiccava su tutti gli altri.

Ovviamente lei venne a casa con me e le detti il nome di Samantha. Era un cane molto buono ed io l’ho utilizzata per pascolare le mucche, i vitelli e le pecore. Ha anche lavorato sulle pecore insieme ad un Border Collie, erano una squadra eccellente.

In fondo c’erano cani più adatti al tuo paese ed al tuo clima. Perché scegliesti il collie?

Dopo quello che ho letto sulla razza in tutti questi anni, l'ho trovata molto adatta a me. I Rough Collie non hanno problemi con il nostro clima. I miei Collie, inoltre, hanno un tipo di pelo molto resistente all'acqua e fitto, e non rimangono impacciati nei loro mantelli; hanno un pelo liscio, diritto e lungo (quello giusto).

Come scegli i tuoi collie?

Io voglio un collie che sia socievole, indipendente, veloce, con l'istinto di andare a prendere, affidabile, che abbia coraggio, disposto a lavorare, con uno spirito curioso, devo vederci dentro “la fiamma”. Quando intravedo queste qualità, capisco che quello è il cucciolo con il quale voglio lavorare. Non sceglierei mai un cucciolo che vedo molto fragile, che sta seduto in un angolo e non si interessa di nulla. Nella mia casa voglio un Collie che abbia uno scopo, un po' una testa calda, questo è il tipo che mi piace e con il quale trovo facile lavorare.

Per quel che abbiamo visto alcuni dei tuoi Collie vengono da linee da show. Come fai ad essere sicura che saranno validi lavoratori?

Ho intuizione (un istinto) e finora sono stata molto fortunata. Il mio primo Collie, Samantha, veniva da una madre che lavorava. Quando l'ho comprata non sapevo molto sulle altre linee e, forse un po' ingenuamente, ho pensato che poiché proveniva da una razza da pastore avrebbe comunque fatto il suo lavoro. Lei non mi ha mai deluso. Dopo che purtroppo è morta, ho comprato un altro Collie, Sammie, (lei sarebbe NORWAYS MOST ALLROUND MERITATED COLLIE, ad oggi è ancora l'unico Rough Collie qui in Norvegia con un doppio campionato di obbedienza e di bellezza; é stata lei la fattrice del mio allevamento).

Era anche un ottimo cane da pastore, ha iniziato già a 12 settimane con le nostre galline e poiché io sono alla mia quarta generazione di pastori,  conosco perfettamente ciò che è dietro a quello che ho adesso. E con quello che ho imparato in tutti questi anni so anche esattamente che cosa voglio.

Ho anche acquistato una femmina in Finlandia, Villemo, solo un paio di anni fa; anche lei dimostra talento. Bada che io non faccio gare, é una cosa che prende troppo tempo, ma radunare il bestiame e fare un buon lavoro, sia che si tratti di muovere un gregge che di raccoglierlo, è ciò che conta. Penso che con il corretto addestramento e la pazienza molti Collie possono essere utilizzati per questo tipo di lavoro.

Come ho detto, cerco le qualità che desidero, l'autonomia, la resistenza, l’istinto della caccia ecc.; mi piacciono i collie "testa calda", perché sento che sono i più portati al lavorare, è sempre più facile avere a che fare con un soggetto che mostri un eccesso in tutto, che con un soggetto che sia carente in tutto (un tipo impacciato). Il mio cane da pastore di quarta generazione, Tengel, è un po' una testa calda, e sta cominciando a "calmarsi" solo ora che ha 6 anni.

Questa razza ha sempre lavorato in climi freddi, ma la Norvegia è quanto di più freddo si possa immaginare. Mai avuto problemi con le vostre rigide temperature? Pensiamo ad alcuni nostri collie che vivono in case riscaldate ed infilano cappottini e guantini prima di uscire all’aperto!

No, mai nessun problema con il freddo quando si lavora. Abbiamo avuto pecore all'esterno d'inverno, si può avere qualche problema solo se c’è troppa neve, problemi nel lavoro, ma poi le pecore vengono spostate all'interno.

Come fai ad addestrare un collie a lavorare con le pecore?

L’istinto per la pastorizia deriva dall’istinto del Collie per la caccia, per l’inseguimento della preda.

Quando pascoliamo, il mio Collie controlla il gregge, ma io devo avere il controllo del mio collie. Pascolare è un lavoro di squadra tra il mio collie e me e il rapporto tra noi è molto importante.

Il loro lavoro con pecore/galline/mucche richiede anche molta obbedienza.

Pascolare è un’attività controllata, assolutamente non un selvaggio delirio di attività, al cane non è permesso di essere impulsivo, anche se può essere un po’ più veloce, soprattutto all'inizio.

L'importante é che riconoscano e rispondano a determinati comandi prima di cominciare ad allenarsi con il gregge. Devono conoscere, come minimo, il resta (rimani, siedi o sta giù) il fermo e il richiamo. Devono anche distinguere la destra dalla sinistra, e qui io uso le mie braccia. Mi alleno in questa fase con l'aiuto di un recinto, i miei Collie sono da un lato ed io dall'altro, parlo loro e mostro loro la direzione e così insegno la differenza tra destra e sinistra. Uso anche la voce nel lavoro. L'importante é comprendere il cane.

Quando fanno la cosa giusta li premio, questo è molto importante, e bisogna essere costanti. Costruire una confidenza con loro. Li alleno per brevi periodi di tempo, così l'addestramento rimane sempre divertente.

La prima cosa da fare è insegnare loro, quando hanno 8-10 settimane, a camminare al guinzaglio, insegnare loro a fermarsi a comando. Insegnare loro a mettersi giù e sedere. Bisogna essere costanti, io addestro sempre con risolutezza e per brevi periodi.

 Come ho detto prima, avvicino abbastanza presto i miei Collie alle pecore/galline. Sammie era un Collie straordinario e rinchiudeva le galline per la notte quando aveva solo 3 mesi e mezzo. Nel recinto delle pecore uso un guinzaglio lungo, circa 15 metri, quando li metto dentro le prime volte. Così posso vedere se mostrano qualche interesse, e posso vedere come si comportano con le pecore. Facciamo questo per diversi mesi. I cani che non mostrano alcun interesse in un primo momento li avvicino alle pecore un po’ più tardi, alcuni cani sono "una pianta che fiorisce tardi".

Poi comincio con poche pecore in un recinto; faccio muovere le pecore e lascio sciolti i cuccioli. I miei Collie si mettono a correre davanti a loro e le fermano; questo è ciò per cui sono nati, se lo fanno sono buoni soggetti con cui lavorare.

E' anche emozionante vedere adesso che l'addestramento precedente ha avuto successo e che i Collie ricordano i comandi. Se sono troppo ansiosi, bisogna utilizzare un guinzaglio lungo e dare un piccolo strappo e una lode, quando si fermano. Non dimenticate mai di lodarli, ogni tipo di lavoro dovrebbe essere proficuo.

La cosa più importante è avere un Collie che può fermare le pecore. Il Collie, non resta così basso nel corpo come il Border Collie quando pascola, e non usa i suoi occhi come il Border Collie, ma ho avuto sia un cane da pastore "di occhi" che un cane da pastore "di corpo" tra i miei Collie, così nella mia esperienza c'è molto di individuale quando si tratta di Collie. La mia Sammie era anche molto "sonora" quando lavorava. Questo non è molto strano poiché gli allevatori di un centinaio di anni fa volevano che il Collie avesse una voce forte per essere in grado di mettere in allarme gli altri cani quando guidavano le loro greggi, non tutti sono d'accordo e lo vedono come un carattere negativo.

Ho insegnato loro a stare davanti alle pecore in modo che non scappino. Siamo in due; mando il cane e dico stop. Se non dovesse fermarsi, arriva uno strattone al guinzaglio. Essi non collegano lo strappo con me, poiché é il mio aiutante che strattona. Inizialmente solo una breve distanza. Quando il Collie ferma le pecore abbiamo percorso un lungo cammino. Ci dovrebbe essere anche un certa distanza tra loro e le pecore, cosa di estrema importanza se ci sono gli agnelli nel gregge.

Poi il cane dovrebbe essere in grado di portare il gregge verso di me; lo mando a fermare le pecore e poi vado verso il gregge. Il Collie è sul lato opposto al mio (a ore 12). Ho insegnato loro la differenza tra destra e sinistra e, appena mi muovo a sinistra, o a destra, il Collie fa il contrario.

Se è troppo vicino al gregge, vado tra il gregge e il cane per spingerlo più in là. Gli permetto anche di fare un giro attorno al gregge mentre io me ne sto tutto il tempo tra lui e il gregge. Dopo un giro  cambio direzione. Samantha ha pascolato vitelli e anche se noi non approviamo che il cane possa "mordere", a volte devono farlo. Non è facile lavorare con i torelli e a Samantha è stato permesso di mordere le gambe per spostarli. Non ha mai fatto questo con le pecore o le mucche e, naturalmente, non morde mai a sangue.

A che età cominci ad istruirli?

Inizio presto, già a 12 settimane con le galline. E a circa 4-6 mesi con le pecore, lasciando che le guardino e si interessino ad esse. Se la prima volta non dovessero mostrarsi interessati, bisognerà attendere un paio di settimane e riprovare. Ho visto molti rinunciare troppo presto.

Vediamo però che i tuoi collie non lavorano solo con le pecore. Obedience, Search and Rescue, Agility, Tracking, Backpacking, Carting, Hunting, Skijoring, Fun in the Water, Biking, per non parlare delle Esposizioni. Ma dove trovi il tempo e la forza per tutto quanto?

Bene, ad essere onesti, trascorro tutto il mio tempo libero con ai miei collie in qualche modo, lavorando e insegnando. Nessuno dei miei collie ha chiesto di venire da me, così è mio dovere rendere loro la loro vita più attiva ed interessante possibile, cosa che posso fare con diverse attività. Ed è anche molto soddisfacente lavorare con loro.

Per quanto riguarda la caccia, uno dei miei più brillanti acquirenti di cuccioli, Lena, proprio facendo questo, ha ottenuto un doppio titolo di campione con Casper, ed è stato il primo e l’unico Rough Collie ad ottenere un doppio titolo in Norvegia (è anche un cane certificato cadaver-dog).

Non espongo molto e non lo trovo molto divertente. A volte sembra di partecipare a una specie di lotteria su chi vince e chi no, spesso sento che é “la parte sbagliata del guinzaglio” a vincere. Occasionalmente ho partecipato a qualche esposizione e sono stata molto orgogliosa dei risultati che i miei Collie hanno ottenuto. L'agility è solo gioco e talvolta lo faccio perché essi trovano divertente correre su e giù fra le transenne. Ho fatto un paio di gare di agility anni fa con Samantha. Search è una delle attività che io adoro particolarmente e insieme al pascolare è uno dei compiti dove vedo davvero i miei collie lavorare.

Appena la mia squadra di collie comincia a lavorare, è importante che sviluppi muscoli e resistenza - guadare acqua, nuotare e fare escursioni con lo zaino in spalla è ciò può aiutarci in questo. Trovo molto divertente biking e skijoring, specialmente quando mi trainano. Penso inoltre che sia importante fare cose diverse con loro. Le cose nuove li stimolano e fanno sì che imparino meglio a risolvere i problemi.

Ed il collie, riesce veramente in tutte queste attivita?

Per me un collie può fare tutto questo, trovo la razza un “pacchetto completo” (naturalmente se non si tratta di individui nervosi, ansiosi o lenti).

Questa è l’unica responsabilità dell’allevatore: allevare solo cani mentalmente forti. E molto triste sia per il cane che per l’acquirente del cucciolo allevare cani ansiosi. Sfortunatamente ho trovato anche molti proprietari di collie che si arrendono facilmente. Molti proprietari di oggi sembrano non capire che ci vuole del tempo (e talvolta molto) e lavoro duro per allenare il cane a fare un lavoro speciale.

Trovo molto degradante anche qualche "predica" estremamente negativa che proviene da persone che hanno problemi ad ottenere buoni risultati. Essi hanno la tendenza ad “abbassare l'assicella” per tutti gli altri in quanto non possono farlo da soli. Vedo questo qui in Norvegia ed è triste.

Osservando i cani che hai attualmente notiamo che sono tutti tricolori. E’ un caso o c’è un motivo ben preciso?

Amo semplicemente questo colore e lo trovo il più bello in assoluto. Non riesco ad imaginare altro colore, che non sia il tricolore, è anche il colore che spicca di più quando si pascola, facile da individuare. A volte i miei genitori osservano la mia squadra di Collie e anche mia madre dice che il tricolore è il migliore, anche se può accettare un sabbia.

Tu hai le idee chiare su cosa sia un allevatore. Ad esempio dici che ci sono allevatori e poi ci sono gli ALLEVATORI. Credi che di questi ultimi ce ne siano ancora tanti nel mondo?

Sono molto affezionato alla mia razza, desidero che i nostri allevatori/proprietari di Collie abbiano standard elevati. Mi rende triste vedere allevatori che utilizzano nei loro allevamenti soggetti ansiosi e "lenti". La struttura mentale e la capacità di lavoro sono la prima cosa ai miei occhi. E naturalmente la salute deve essere buona nei soggetti da riprodurre. Ma non importa quanto sia bello e sano un Collie se non può affrontare la vita di ogni giorno per paura o inquietudine, i Collie che non possono camminare sui pavimenti. Trovo quel tipo di soggetto non buono e non dovrebbe essere allevato.

Trovo importante selezionare non solo la bellezza estetica, ma considerare anche il carattere e la capacità di lavoro. Voglio dire che prima di far riprodurre un Collie bisognerebbe dimostrare che é in grado di lavorare. E' vergognoso che la gente usi per la riproduzione soggetti  nervosi e ansiosi. Le probabilità di ottenere cani nervosi da quel tipo di genitori sono molto elevate. L'ansia e la paura sono altamente ereditarie.

Non sto dicendo che io, come allevatore, non posso produrre un cucciolo che non è come vorrei che fosse, ovviamente posso, ma utilizzando solo cani che siano affidabili e non hanno ansie, così la possibilità di ottenere cuccioli stabili e buoni è tanto più elevata che può portare gioia ai loro nuovi proprietari. Naturalmente ci sono, fortunatamente, alcuni allevatori fuori di qui che considerano il cane nel suo complesso e non solo se ha “orecchi/occhi/coda corretti e qualche carattere di bellezza quando allevano.

Hai maturato un’esperienza eccezionale nel fare con il collie il lavoro per cui la razza fu creata. Nessuno più di te può rispondere a questa domanda. Ma il collie è morfologicamente e caratterialmente ancora quello che i pastori selezionavano secoli fa?

Difficile rispondere a questa domanda.

L'aspetto di un collie ha subito in qualche modo un sacco di cambiamenti in alcune linee. Ma quando vediamo quadri di un secolo fa e di oggi non é molto difficile capire che si tratta pur sempre di Collie.

Sfortunatamente vedo molti allevatori di oggi che non tengono in considerazione la parte "interiore" del soggetto, per cui, se esso ha un viso dolce e qualche titolo di bellezza, questo è sufficiente per riprodurlo. E’ anche molto strano che vedo molti maschi somigliare a delle femmine.

Vedo anche che per molti allevatori è importante il test del DNA per cose diverse; io non sono contro, ma quello cui mi oppongo è che alcuni pensano che questa sia l’unica strada. Per fare un esempio, un Collie è certificato esente da CEA (DNA) ma ha un temperamento pessimo (ansia, ecc). Esso è utilizzato per l'allevamento a causa degli occhi. Triste!

Dal punto di vista mentale vedo Collie che non hanno capacità di resistenza, sono lenti e pesanti. Non sono affatto il mio tipo. Ho visto alcuni Collie dall'ossatura pesante, senza velocità e coraggio e questo tipo viene allevato. E almeno qui in Norvegia abbiamo allevatori che vogliono quel tipo di Collie.

Abbiamo Collie che sono estremamente paurosi dei colpi di pistola e dei tuoni. Non riesco a immaginare un Collie del passato, utilizzato come pastore, che aveva paura di cose del genere. Un cane da pastore non può scappare mentre sta lavorando all'arrivo di un temporale. I miei stessi Collie non reagiscono affatto ai fuochi d'artificio e ai temporali.

Il Collie è una razza "leggera" che dovrebbe essere in grado di girare su una monetina, ma vedo che alcuni, io li chiamo "draw-up-collie",  hanno una testa così pesante che sembrano una specie di Bovaro del Bernese, ma per alcuni allevatori questo è corretto. Per me invece è brutto e scorretto.

 Dal lato positivo è assolutamente possibile trovare ciò che si desidera, una buona prospettiva di lavoro, solo guardando. Controllare sempre i genitori (e anche ciò che è dietro di loro) prima di acquistare un cucciolo, allora si può avere un'idea di cosa ci aspetta. E' più facile ottenere un buon cucciolo da lavoro, quando i genitori hanno dimostrato che sono in grado lavorare.

Grazie Elisabeth, e FELICE GIORNATA DELLA DONNA!