Ultimo aggiornamento:
02.10.2018 14.49
 
   
 
 
18 maggio 2018
 
 

un collie in copertina

di  Lucio Rocco

 

L'uso dell’immagine come mezzo di comunicazione risale alle origini stesse dell'uomo. Non essendo questo mezzo legato alla scrittura, aveva il vantaggio di essere libero da vincoli di lingue e rappresentava perciò un “linguaggio” universale divenuto col tempo mezzo di espressione e di informazione. Sotto quest’aspetto vanno guardate anche le copertine dei periodici. Esse hanno una funzione fondamentale nell’orientare e convincere il lettore all’acquisto di una rivista. Dipende in gran parte dalla loro capacità di affascinare se chi guarda si convince a comprare un giornale piuttosto che un altro. I soggetti rappresentati diventano mezzo di divulgazione, attraverso la copertina si fa giornalismo, l’immagine diventa essa stessa notizia.

 Quest’aspetto della pubblicità editoriale dei periodici, con tutte le conseguenze artistiche e grafiche che comporta, prese forma solo nella seconda metà del 19° secolo negli Stati Uniti, agevolato dal perfezionamento dell’industria tipografica. In precedenza le copertine delle riviste erano servite ad anticipare i titoli delle notizie riportate all’interno o a dare un’anteprima del più importante degli articoli in essa contenuti.

L’antenato delle riviste moderne è considerato il periodico tedesco Erbauliche Monaths Unterredungen, pubblicato ad Amburgo tra il 1663 ed il 1668. Trattava argomenti filosofici ed era scritto dal teologo e poeta Johann Rist.

La prima pubblicazione periodica compilata sul modello delle future riviste fu The Review, pubblicata nel 1703 a Londra da Daniel Defoe, l’autore di Robinson Crusoe. Il giornale, in edicola tre volte la settimana, era scritto interamente dallo stesso Defoe che lo pubblicò fino al 1713.

La parola "magazine" venne usata per la prima volta nel 1731, quando Edward Cave pubblicò a Londra la rivista Gentleman's Magazine, la prima ad avere una tiratura autenticamente popolare.

Il collie ha avuto in ogni tempo l’onore della copertina nei periodici di tutto il mondo, pur non avendo la maggior parte di essi una relazione col mondo degli animali.

Nel 1821 cominciò le pubblicazioni una rivista bimestrale americana, The Saturday Evening Post. Cyrus Curtis, che acquistò il giornale sei anni dopo, ne fece un settimanale. La tiratura raggiunse il milione di copie l'anno. Vi si trattavano temi di attualità, politica e sport. Scrittori famosi come Agatha Christie, Francis Scott Fitzgerald e John Steinbeck contribuirono con i loro racconti al successo della rivista. Molto spesso il collie è apparso sulla copertina di questo periodico e qui di seguito ne diamo alcuni esempi pubblicati tra il 1922 ed il 1964.

1922 

1927 

1929 

 

1933 

1943 

1951 

 

1953 

1955 

1964 

Luther Tucker fu, in America, il pioniere del giornalismo dedicato all’agricoltura. Tra il 1831 e il 1955 pubblicò a Rochester (New York) una delle prime riviste dedicate a questo tema, The Country Gentleman. Qui di seguito alcune copertine dedicate al collie pubblicate tra il 1912 e il 1924.

1912 

1916 

 

1916 

1924

 

Un’altra rivista che trattava lo stesso argomento fu American Agriculturist, che cominciò le pubblicazioni nel 1842. La prima delle copertine mostrate fu pubblicata nel 1893. E’ l’immagine della testa di un famoso figlio del campione Christopher, Fordhook Eclipse, appartenente ai canili Fordhook di Filadelfia. La seconda, ormai a colori, é del 1920.

   

1893 

1920 

 

Una delle più importanti riviste americane del 19° secolo, che svolse durante la guerra civile un'importante opera di informazione, fu Harper's Weekly, pubblicata a New York da Harper & Brothers dal 1857 al 1916. Le copertine che qui riportiamo risalgono al 1907 ed al 1911.

1907

1911

1911

Una delle prime pubblicazioni dedicata interamente alle donne fu un mensile dal titolo Woman's Home Companion, stampato a Springfield, nell’Ohio, dal 1873 al 1957. Ebbe un enorme successo, raggiungendo una tiratura di oltre quattro milioni di copie. Qui sotto abbiamo tre belle copertine dedicate al collie.

     

1907 

1911 

1911 

Un’altra rivista femminile dello stesso periodo fu Holland’s, pubblicata dalla famiglia Holland dal 1876 al 1953. Trattava argomenti di cucina, moda, giardinaggio e narrativa. La bella copertina qui presentata è del 1909.

 

1909 

Un’altra rivista americana, ricca di informazioni pratiche sull’agricoltura e sull’allevamento del bestiame, fu Farm Journal. Pubblicata per la prima volta nel marzo del 1877 per gli agricoltori americani, essa è tuttora nelle edicole con 14 numeri l’anno. Qui sotto due graziose copertine del 1942 e del 1945.

   

1942 

1945 

Una delle riviste più importanti della fine dell’ottocento fu Life, pubblicata nel 1883 negli Stati Uniti da Henry Robinson Luce. Continuò ad essere, fino al 1936, una rivista umoristica, per poi continuare con contenuti diversi fino al 2007. I suoi servizi durante la II guerra mondiale e specialmente durante lo sbarco in Normandia sono nella storia del giornalismo. La copertina che riportiamo è del 1923.

 

1923 

Nel 1885 Clark W. Bryan pubblicò a Holyoke, nel Massachusetts, un nuovo mensile femminile, Good Housekeeping. Il successo incontrato spinse gli editori alla pubblicazione, nel 1922, di un’edizione britannica. Qui vediamo una copertina del 1912.

 

1912 

Nel 1888 l’editore irlandese Peter Fenelon Collier pubblicò negli Stati Uniti, dove si era trasferito, la rivista Collier's Weekly, in seguito chiamata Collier e successivamente Collier's. Le pubblicazioni proseguirono ininterrottamente fino al 1957. Qui di seguito ci sono due bellissime copertine dedicate al collie, in un numero del 1906 e in uno del 1909.

1906

1909

Vogue è forse uno dei mensili più famosi al mondo. Fondato nel 1892 a New York da Arthur Baldwin Turnure, era destinato alle donne per le quali rappresentò, per circa un secolo, un punto di riferimento. Ancor oggi è una delle più prestigiose ed autorevoli riviste di moda del mondo, con ben 18 edizioni nazionali scritte in 14 lingue diverse. Qui mostriamo due copertine molto eleganti del 1898 e del 1903.

1898

1903

Nata fin dal 1890 come supplemento domenicale del New York World e del New York Journal, The American Weekly divenne nel 1896 una rivista indipendente le cui pubblicazioni proseguirono fino al 1966. Il grande successo incontrato fece sì che raggiungesse una tiratura di 50.000.000 di copie, dovuta sicuramente anche alle grandi firme che si prestarono a disegnarne le copertine. Tra questi vi furono pittori come Howard Chandler Christy, il ritrattista che dipinse il ritratto della First Lady Grace Coolidge col suo collie bianco, artisti come James Montgomery Flagg, il disegnatore dello Zio Sam nel famoso manifesto a favore del reclutamento “I want YOU for U.S. Army”, e la graphic designer Nell Brinkley, la “Regina dei fumetti”, che lavorò quasi 40 anni per i quotidiani ed i periodici di New York. Sue sono le copertine che seguono, su cui Nell raccontava a puntate la storia di Golden Eye, del suo amato Bill e del fedele collie Uncle Sam.

1918

1918

 

1918

1924

Un altro mensile femminile fu The Farmer’s Wife, pubblicato per la prima volta a St. Paul, nel Minnesota, nel 1897, e rimasto in edicola fino al 1939. Nel suo momento di maggiore diffusione ebbe oltre un milione di abbonati in tutti gli Stati Uniti. Nel 1939 fu venduto al Farm Journal sotto il cui nome continuò le pubblicazioni fino al 1970. Qui di seguito una simpatica copertina del 1931.

1931

Intanto in Francia veniva pubblicato Le Gaulois Du Dimanche, supplemento settimanale del quotidiano Le Gaulois, pubblicato a Parigi dal 1897 al 1929, anno in cui si fuse con Le Figaro. L’elegante copertina che presentiamo è del 1910.

1910

Dal 1899 al 1941 la Sprague Publishing Co. di Detroit pubblicò un mensile rivolto ai giovani americani, The American Boy. Esso divenne presto la più diffusa rivista per ragazzi, con una tiratura di oltre 300.000 copie e nel 1929 si fuse con la rivista concorrente Youth's Companion.  Qui presentiamo due copertine: una simpatica edizione del 1908 ed una del 1936 in cui è rappresentata una bella testa di collie.

1908

1936

Tra le riviste dedicate al cane vogliamo citare una delle più interessanti, Dogdom, nata nel 1900 come organo ufficiale del "Toy Spaniel Club of America” e dell’”American Toy Dog Club”. Si trattava di una pubblicazione mensile di circa 50 pagine che fu nelle edicole fino al 1941. Qui mostriamo solo due copertine tra le tante dedicate al collie, una del 1930 ed una del 1941.

1930

1941

Negli stessi anni di inizio secolo veniva pubblicato in Canada il periodico Star Weekly, fondato a Toronto da Joseph E. Atkinson come edizione domenicale. Ebbe molto successo, coprendo un arco di tempo tra il 1910 ed il 1973. La copertina mostrata è del 1948.

1948

Better Homes and Gardens fu un periodico statunitense fondato nel 1922 da Edwin Meredith. E’ nelle edicole ancor oggi. La bella copertina riprodotta é del 1927.

1927

Ai bambini era invece dedicato il periodico americano Child Life, pubblicato per la prima volta nel 1922. La copertina che presentiamo é del 1939.

1939

Il mensile americano The Parents’, pubblicato ancora dalla Meredith Corporation, era invece rivolto ai genitori cui forniva informazioni e consigli circa il modo corretto di educare i propri figli. Era stato fondato da George J. Hecht nel 1926. La copertina qui di seguito è del 1932.

1932

Un altro mensile pubblicato dalla Meredith Corporation fu Family Circle. Era rivolto alle famiglie e le sue pubblicazioni avevano avuto inizio nel 1932 mediante distribuzione nei supermercati. Le belle copertine che presentiamo sono del  1948 e del 1952.

   

1948 

1952 

 

Nel 1953 fu pubblicata a New York una rivista bisettimanale di straordinario successo, TV Guide, che forniva informazioni sulla programmazione televisiva insieme a notizie di ogni genere sui personaggi televisivi. Qui abbiamo tre copertine, del 1956, del 1959 e del 1960, tutte dedicate ad uno dei personaggi televisivi di maggiore successo: Lassie.

1956

1959

1960

Vogliamo chiudere questa carrellata di copertine dedicate al collie con un settimanale sportivo italiano nato a Torino nel 1902 come supplemento del quotidiano La Stampa. Si chiamava La Stampa Sportiva ed era dedicato sia agli sport più tradizionali come l'atletica leggera, l'ippica, la scherma, che alle nuove discipline come il ciclismo, il motociclismo, l’automobilismo ed anche il calcio che cominciava allora a diffondersi. Chiuse definitivamente nel 1925. Ecco qui sotto un’originale copertina del 1903.

1903

Se l’immagine ha avuto un ruolo ed un potere nella diffusione delle idee, allora anche queste riviste, con le loro copertine, hanno fatto la loro parte nel far conoscere il collie e nel divulgarne la cultura in ogni angolo del mondo. Non ci sembra vi siano altre razze che possano vantare una capacità di diffusione tanto estesa. Ma questa è la civiltà dell’immagine, che ha dapprima mutato il volto ed i colori delle città, poi è entrata nelle nostre case attraverso il mondo del web, portando l’informazione in maniera capillare nelle vite di tutti. Ormai ne siamo incalzati, circondati, ammaliati ed anche, certamente, condizionati.